Blog di Roberto Blarasin, dedicato in particolare a Macerata, così come viene vista e vissuta dai Blarasin e dagli amici. Valgono le regole della comunicazione collaborativa: esplorare, comprendere, entrare in sintonia.

04 settembre 2005

Blablog


Buongiorno e benvenuti al Blablog. Conoscete la storia di Alfred e N’Kisi, i pappagalli grigi africani che hanno stupito gli umani? Sono due fra gli animali più intelligenti al mondo. Il primo riesce a comprendere il concetto di zero, il secondo ha un’incredibile padronanza dell’inglese e un notevole sense of humour. Un esempio particolarmente eloquente è stato quando si è trovato al cospetto della ricercatrice Jane Goodall. A N’Kisi era stata mostrata una foto della studiosa abbracciata ad uno scimpanzè. Ebbene, quando l’ha incontrata, le ha detto senza mezzi termini: “Hai con te lo scimpanzè?”. Stupita, la stessa Goodall ha commentato: “Questo animale è un eccezionale esempio di comunicazione tra specie diverse”. Ancora più sorprendente è il suo senso dell’umorismo. Guardando un altro pappagallo che si dondolava sul suo trespolo, N’Kisi ha esclamato: “Dovreste mettere questo uccello davanti ad una telecamera'”.

Alfred e N’Kisi sono geni, non ci sono dubbi, ma sono stati anche molto fortunati. Sono fra i pochissimi della loro specie ad aver ricevuto un’educazione adeguata e la possibilità di esprimersi. Qualcuno ha creduto in loro e ha dedicato loro tempo e spazio. Ho pensato che N’Kisi sarebbe stato molto contento di conoscere le nostre idee e che si sarebbe impegnato a fornire a noi, collaborativi animaletti di città, la sua stessa opportunità. Dal suo interesse nasce Blablog, l’habitat adatto per chi ha la naturale tendenza a volersi esprimere.

N’Kisi - nella splendida versione di Maurizio De Angelis - ci guarda dall’alto con fare sarcastico, perché sa che lui è riuscito a comunicare con noi nella nostra lingua, ma noi, nonostante tutti i nostri sforzi, non riusciremo mai a comunicare con lui nella sua.

Per saperne di più: Alfred e N'Kisi.

 
Licenza Creative Commons
Questo/a opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons.