Blog di Roberto Blarasin, dedicato in particolare a Macerata, così come viene vista e vissuta dai Blarasin e dagli amici. Valgono le regole della comunicazione collaborativa: esplorare, comprendere, entrare in sintonia.

27 luglio 2007

Regione Lombardia, Finanziamenti alle scuole che insegneranno il latino


A Roma, in lingua latina, è avvenuta quella sintesi delle tre grandi culture da cui è nata l'Europa: Grecia (filosofia e democrazia), Roma (diritto e organizzazione dello stato) e Gerusalemme (primato della persona e della libertà). Il latino era la lingua dei documenti, delle lettere, della scienza e delle filosofia.

In seguito sono nate le lingue nazionali, radicate nel latino, che ha continuato a plasmare la scuola europea dal ginnasio dei gesuiti, all'università di Humboldt, fino al liceo classico di Giovanni Gentile.

L'errore venne quando la scuola e la chiesa cattolica hanno staccato le lingue moderne dal riferimento al latino, come hanno denunciato, fra gli altri, intellettuali delle più diverse estrazioni: da Zolla a Citati, da Ceronetti a Cristina Campo.


La Regione Lombardia finanzierà scuole e associazioni che introdurranno la materia. Ottimo esempio da seguire, a favore della lingua e della cultura.


Etichette: , ,

14 luglio 2007

Nuovo virus attacca internet: Fioroni


Giuseppe Fioroni vuole regolamentare per legge l'accesso a internet. Rosy Bindi, Paolo Ferrero e Giovanna Malandri sono d'accordo. Si ritiene che internet sia la causa dei mali della scuola, in realtà ne è solo lo specchio. Gli atti degli studenti sono dovuti a problemi interni della scuola, non esterni. Problemi di una scuola che ha abolito il merito e che ha reso l'autorità un tabù. E' impossibile bocciare. Ci si preoccupa di integrare gli studenti difficili, non di farli studiare. I bravi ci rimettono. Ci si preoccupa di assumere tutti gli insegnanti, non di selezionare. L'autorevolezza e la preparazione ci rimettono.

Ma a Fioroni non importa, per lui è colpa di internet!

Etichette: , ,

 
Licenza Creative Commons
Questo/a opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons.